PROJECT 333: la mia sfida!

Negli ultimi mesi, come forse avete intuito dagli ultimi post qui sul blog, ho cercato di vivere in modo più minimal, partendo proprio da un elemento che per me è fondamentale: l’abbigliamento. Il Project 333 mi è sembrato una buona posizione di partenza.

Cercando notizie sulla capsule wardrobe, mi sono imbattuta nel blog BeMoreWithLess e nel suo Project333: una sorta di “sfida” minimal. In cosa consiste? Scegliere 33 capi e accessori (scarpe e borse incluse) da utilizzare per i prossimi 3 mesi. Mi ha subito affascinato e mi sono informata il più possibile.Ho deciso di provarci, perchè credo fermamente di utilizzare gli stessi capi di abbigliamento: così ne avrò la prova e sarà un bel punto di partenza per guarire dalla “shoppingite acuta”.

Come prima cosa ho trascritto le regole sul mio nuovo Leuchtturm 1917, così da averle sempre con me.

Non l’ho segnato, ma non vanno inseriti nella lista: gli accessori con un legame sentimentale (ad esempio la fede di nozze), l’intimo, l’abbigliamento per stare in casa (pigiami compresi) e quello per fare sport.

Mi sono soffermata sul punto 4 (crea una tua versione) per stilare la lista dei 33 capi che mi accompagneranno nelle prossime settimane. Ho escluso tutti gli accessori, fatta eccezione per borse e scarpe, perché uso quasi sempre gioielli a cui sono legata affettivamente.
Ho deciso anche di non inserire le magliette che uso al lavoro: indosso quasi sempre T-Shirt e canotte, ma non posso ridurle perché, abitando da sola, spesso non riesco a fare più di una lavatrice a settimana. Limitare le magliette, specialmente con questo caldo, non mi sarebbe proprio possibile. Mi sono concentrata, allora, sui capi che uso quotidianamente per uscire, sia di giorno che di sera.

Ammetto che la mia idea iniziale era quella di non inserire scarpe e borse, perché pensavo che mai sarei riuscita a estrapolare così pochi pezzi e, invece, ho dovuto ricredermi!

Tutto ciò che non è rientrato in questa lista l’ho studiato per bene e poi l’ho diviso in tre categorie:
– capi che non metto e che ho regalato
– capi logori da cestinare definitivamente
– capi da mezza stagione che devo tenere nell’armadio, viste le condizioni climatiche ballerine

Dal 1 Luglio ho cominciato a indossare solo questi capi e, nonostante siano passati solo pochi giorni, ho notato che il mio abbigliamento non ha subito cambiamenti drastici ma ci sono stati due miglioramenti: il mio armadio è molto meno incasinato e quando devo uscire impiego molto meno tempo a scegliere cosa indossare.

N.B. quando stilavo la lista ho tenuto a mente le che avrei voluto comprare con i saldi: alcuni nuovi acquisti andranno a sostituire capi che ho già, ma che non sono più in condizioni ottimali. Altri, invece, gli ho scritti a matita, in fondo alla lista, perché c’era la possibilità che non li avrei trovati o, all’ultimo, cambiassi idea e acquistare qualcosa di diverso. Dopo due settimane di saldi, però, ho ripreso in mano la lista e l’ho aggiornata, riuscendo comunque a lasciare qualche spazio bianco.

Se volete seguire il mio prossimo shopping minimal e rimanere aggiornati su come prosegue la mia sfida, seguitemi sui miei social:
* Instagram ( la mia gallery )
* Facebook (la mia pagina )
Se, invece, vuoi saperne di più, clicca qui.

5 pensieri su “PROJECT 333: la mia sfida!

  1. Hi letto e ho cominciato oggi!!
    Vediamo se riesco. Ho qualche dubbio nelle mie scelte , ma vediamo cosa succederà ! Ti seguirò nel
    Insta!

    1. Non è detto che quello che scegli oggi non possa essere cambiato in seguito. Se tra un mese un capo si rovina o non ti fa sentire più a tuo agio, nessuno ti vieta di eliminarlo dalla tua lista, sostituendolo con qualcos’altro. L’importante, secondo me, è cercare di non accumulare: elimina ciò che non va più bene per far posto a cose nuove!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *